'U rasoiu
Cce na cosa quantu un parmu
ch'e gàuta di schina
'mmenzu di pilu e pilu s'arrimina.
Il rasoio
C'e una cosa lunga un palmo
che è alta di schiena
e di pelo in pelo si dimena.
The razor
There is a thing long a palm which is tall of back 
and of down in down wag.

L'anieddu
Iu vegnu di Missina
e portu rrobba fina
all'uomini si cci ammuscia
é fimmini si cci' nfila.
L'anello
Io vengo da Messina
e porto roba fina
agli uomini gli si ammolla
alle donne gli si infila.
The ring
I come from Messina 
and I got fine 
stuff to the men it becomes soft to the women it is inserted.

'A 'utti
Donna Cristina ch'è fatta cristiana
e di la santità a tutti nni runa
havi un pirtusu sutta 'a suttana
e a cù porta dinari cci nni runa.
La botte
Donna Cristina che è fatta cristiana
e della santità a tutti  ne dona
ha un'apertura sotto la sottana
e a chi porta denari gliela dona.
The barrel
Donna Cristina that is made Christian and of the holiness to all she give some has an opening under the underskirt and she give it  to whoever carry moneys to her.

'A campana
Sutta'a fodera da cammisa
cc'è 'na cosa tisa tisa
e si si voli tuccari
jetta vuci di spirdari.
La campana
Sotto la fodera della cammicia
c'è una cosa tesa tesa
e, se si vuole toccare
getta grida da spaventare.
The bell
Under the lining of the shirt there is a tense brim thing 
and, if you want to touch 
it throw scream to frighten.

'A seggia
O su beddi o sunnu brutti
vaju tuccannu 'u culu a tutti.
La sedia
O sono belle o sono brutte
vado toccando il culo a tutte.
The chair
They can be bauty or ugly 
I touch their ass to all.

'A scarpa
A ttutti i posti signura mi purtati
ma nnò liettu ccu vui nun mi vuliti
La scarpa
In tutti i posti, signora, mi portate
ma nel letto con voi non mi volete
The shoe
Miss, you take me everywhere 
except your bed.

'A sacchetta
Caminannu, caminannu
mà vaiu tuccannu.
La tasca
Camminando, camminando
me la vado toccando.
The pocket
Walking,walking 
I touch it.

'U issu
Prontu 'u purtusu, 
ca m'attaranta!
Bedda matri mmaculata
nun è cosa malaccriata.
Il gesso
Pronto sia il buco, 
che m'indurisce!
Madre bella Immacolata
non è cosa screanzata.
 The chalk
 That the hole be ready, 
that it hardens me!
  Immaculate beautiful mother
  it is not an ill-bred thing.

'U chianozzu
Mancia d'o culu 
e caca d'a 'ucca.
La pialla
Mangia dal culo
e caca dalla bocca.
The planer
Eat from ass and 
defecate from mouth.

'U iritali
Tutti i fimmini l'hannu
'cu l'ha ruttu e cù l'ha sanu.
Il ditale
Tutte le donne ce l'hanno
chi l'ha rotto e chi l'ha sano.
The timble
Every women got it, 
who has it crashed 
and who has it untouched.

'U culu
Prima di chioviri
lampia.
Il culo
Prima di piovere
fa tuoni e lampi.
The ass
Before raining it makes thunder 
and lightining.

'A grattarola
Cu lu tantu fricuniari
la signura cunzuma ò cavalieri.
La grattugia
Dal tanto grattare
la signora consuma il cavaliere.
The grater
From the so much scratch 
the lady consumes the rider.

'A citarra
Panza cu panza
a lu monacu s'avanza
un pizzuddu 'i carni crura
fa divertiri 'a signura.
La chitarra
Pancia con pancia
al frate s'avanza
un pezzetto di carne cruda
fa divertire la signora.
The guitar
Belly with belly to the monk it advances a bit of raw meat which makes amuse the lady.

L'ummira
Haiu la mia 'nnammurata
senza ciamata veni sula;
iu cci haiu rittu: chi ssi sfacciata!
Fammi arripusari armenu n'ura!
L'ombra
Ho la mia innamorata
non chiamata viene sola.
Io le ho detto: come sei sfacciata!
Fammi riposare almeno un'ora.
The shadow
I have my person in love
I don't have to call her, she comes alione. 
I have told her: you impudent! Make me rest at least an hour.

'A gnizioni
Susiti susiti sta cammisedda
quantu ti fazzu 'na piccola cosa:
Nun ti scantari ca ti trasi ttisa ddummani t'agghiorni comu rrosa.
L'iniezione
Alzala, alzala la camiciola,
che ti farò una piccola cosa:
Non ti spaventare se ti entra tesa
domani ti sveglierai come una rosa.
The injection
Lift it, lift the vest, that I will do you a small thing: you don't get scared if something enters brim tomorrow you will wake up like a rose.

'U rrinale
E chi vò stu strafalariu
cu la panza misa all'aria?
A lu jornu è comu l'isca
a la sira s'arrifrisca.
L'orinale
O che vuole questo cialtrone
con la pancia volta all'aria?
Di giorno è (asciutto) come l'esca
di sera si rinfresca.
The pital
Oh what this ugly man wants with the belly turned to the air? In the daytime he's dry like the bait and at night he refreshes itself.

'U piritu
Nasci cantannu
e 'un s'arricogghi cchiu.
Il peto
Nasce cantando
e non rincasa più.
The fart
It borns singing and never come back home.

'I cigghia
Pilu ccu pilu
si juncinu 'a notti.
Le ciglia
Pelo con pelo
di notte si uniscono.
The eyelashes
Down with down
at night unite.

Questi Indovinelli sono solo una parte di quelli raccolti dal " MAGNUS SICULUM " Giuseppe PITRE'
ed editi in Germania da Felix Liebrechat. Fino al 1983 non furono pubblicati in Italia,
il primo che li ha fatti conoscere, è stato Nando Russo nella sua pubblicazione:
"Biblioteca della tradizioni popolari siciliane"

Torna alla pagina principale
Almanacco Siciliano dei Grifasi - (immagine riservata)
Get your hands off my things.
Livativi i manu ra me ruobba.
Back to main page


Site colours design by Grifasi Studio « - Milano - Italy

This page was last updated on September  27, 1998
Le notizie, le ricerche e le traduzioni contenute in questa pagina sono frutto degli autori
- E' vietata la riproduzione anche parziale di qualsiasi tipo di informazione contenuta in questa pagina, senza segnalarne la provenienza -